Vito Russo Home page

Home






Statistiche :

Visitors today: Tue, 17 July 2018: 33
Latest visitor on 23:27:40
32051 Visitor since 01 Giugno 2004.

InfoUser :

Tuo IP:
54.158.248.112
Tuo ISP:
amazonaws.com
Tuo Browser:
CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)

UserOnline :

Users Viewing: 2


Calendario :

Data: 26/03/2006
Ora: 00:38

Calcio :


Servizi :



Sondaggio randoom :

Sondaggio
Quale linguaggio di programmazione preferisci?
PHP
Perl
Java
ASP
Python
C
C++
Prolog
Assembler
Ada


View Results



Siti Amici :

bertorello.ns0.it
monzastore.com
gianiaz.net
www.slackware.it
#newbie_crew
gnomix.org
arbitermc.net
mepisitalia.org
petition.eurolinux.org  Use OpenOffice.org

Accessibilità :


Domanda

·  Dove recupero i floppy base di woody?
·  E' possibile installare con dselect un pacchetto senza installare i pacchetti da cui dipende?
·  Come scarico e creo un .deb di un programma disponibile in SID?
·  È possibile fare una ricerca (mediante apt-cache, dpkg o chi per esso) dei pacchetti che contengano un certo file?
·  Ho provato la Knoppix, posso installarla sul mio hd?
·  Come installo su di un altro PC gli stessi pacchetti che ho io?
·  Come reinstallo tutti i pacchetti che ho su di un altro PC?
·  Come passo da unstable/testing a stable?
·  Come passo da Stable a testing o unstable?
·  Come posso installare pacchetti di una versione di debian diversa dalla mia?
·  Quale e' il miglior mirror da inserire in sources.list?
·  Ho un PC 386/486. Posso installare Debian?
·  Migrazione su partizione RAID
·  dispositivi a nastro: dat scsi, a quale /dev/?? devo far puntare il programma di backup???
·  per il dat posso usare sia /dev/st0 che /dev/nst0 ?
·  Come installo java?


Risposta
·  dove recupero i floppy base di woody?

li trovi dentro al primo CD di installazione, in

file:/cdrom/dists/woody/main/disks-<architettura>

Torna su


·  E' possibile installare con dselect un pacchetto senza installare i pacchetti da cui dipende?

Si, ma non raccomandabile. infatti ci sono dipendenze importanti senza le queli il pacchetto cessa di funzionare o rifiuta di installarsi.
per non accettare le dipendenze, deselezionale e premi shift-q.

Torna su


·  Come scarico e creo un .deb di un programma disponibile in SID?

inserita la riga
deb-src http://www.it.debian.org/debian unstable main contrib non-free
nel sources.list;

apt-get source pacchetto

dpkg-buildpackage -us -uc

Torna su


·  È possibile fare una ricerca (mediante apt-cache, dpkg o chi per esso) dei pacchetti che contengano un certo file?

Certamente, ci sono due possibilità:
1) andare al seguente indirizzo:
http://www.debian.org/distrib/packages#search_contents, dove è possibile
ricercare il file negli archivi ufficiali Debian;
2) installare apt-file
# apt-get install apt-file
e aggiornare l'archivio
con
# apt-file update
Una volta scaricata la lista dai mirror che supportano apt-file, è sufficiente
cercare il file con il comando
# apt-file search nomefile

Torna su


·  Ho provato la Knoppix, posso installarla sul mio hd?

Si, è possibile!
Basta aprire una console e dare questo comando:
$ sudo /usr/local/bin/knx-hdinstall
e parirà l pocesso di installazione...
verrà installata l'immagine attuale, quindi sono quasi 2Gb di software...

Torna su


·  Come installo su di un altro PC gli stessi pacchetti che ho io?

# dpkg --get-selections > lista_pacchetti.txt

copiare il file sulla nuova macchina

# dpkg --set-selections < lista_pacchetti.txt
# apt-get dselect-upgrade

Torna su


·  Come reinstallo tutti i pacchetti che ho su di un altro PC?

# dpkg --get-selections > lista_pacchetti.txt
copiare il file sulla nuova macchina
# dpkg --set-selections < lista_pacchetti.txt
# apt-get dselect-upgrade

Torna su


·  Come passo da unstable/testing a stable?

Per riportare tutti i pacchetti ad un livello inferiore ("stable"), è necessario modificare
/etc/apt/preferences come segue:
Package: *
Pin: release a=stable
Pin-Priority: 1001
ed eseguire "apt-get upgrade", che forzerà i pacchetti al livello inferiore, in virtù di Pin-priority > 1000.

Torna su


·  Come passo da Stable a testing o unstable?

io ho semplicemente sostituito a stable unstable nel sources.list,
oppure testing, e poi :

#apt-get update
#apt-get dist-upgrade

Torna su


·  Come posso installare pacchetti di una versione di debian diversa dalla mia?

E' possibile creare un sistema misto ad esempio stable/testing o testing/unstable semplicemente agiungendo nel file /etc/apt/apt.conf la riga:
APT::Default-Release "testing";
(dove testing è la versione da tenere come "base". Mettete la versione che usate correntemente.)
Aggiungete poi nel file /etc/apt/sources.list un nuovo archivio per i pacchetti binari.
es:
deb ftp://debian.nettuno.it/debian/ unstable main

Poi per installare i pacchetti si darà un:
apt-get -t unstable install nomepacchetto

Torna su


·  Quale e' il miglior mirror da inserire in sources.list?

Utilizza netselect, netselect-apt
vedi:
http://www.debian.org/doc/manuals/apt-howto/ch-basico.it.html#s-netselect

Torna su


·  Ho un PC 386/486. Posso installare Debian?

Beh, la cosa migliore, se la sicurezza non e' l'obbiettivo fondamentale,
e' usare una release di Debian precedente alla Woody, per esempio la Potato
(2.2) o la Slink (2.1), dove gli eseguibili, le librerie sono decisamente
piu' ridotti della Woody, un'altra cosa che sarebbe utile e' quella di
ricompilare il kernel in modo da renderlo piu' snello (ma naturalmente su di
un Pentium nel "Debian way" in modo da ottenere alla fine un pacchetto
deb
da installare con dpkg o apt-get). Inoltre, entrando nel file /etc/initab,
potresti commentare alcune consolle (ne sono sufficienti 2 o 3) questo ti fa
risparmiare circa 1 mb di ram per ogni consolle non utilizzata, dovresti
poi togliere alcuni daemon che non vengono utilizzati e installare solo i
programmi e i tool che usi piu' di frequente. Invece di postfix ti
consiglierei exim o smail (sempre dalle precedenti release di Debian).

Ormai da 6 anni uso una Debian 1.31r6 alias "Bo" su di un 486/66Mhz
con 16Mb
di ram e gira che e' una meraviglia anche con Xwindow e vari window manager,
e con msql .... e' solo un problema di ottimizzazione e risparmio delle
risorse .... con i tempi che corrono .... :-)

Torna su


·  Migrazione su partizione RAID

Questo e' il testo di una mail, inviata ad un amico per aiutarlo nella creazione di una array raid software di livello 1 (root+boot) con Debian.
E' stato utile a molte persone, spero lo sia anche per voi.
Critiche e commenti ad andrea <at> dinale <dot> it

Andrea

Ver.: 05 Jan 2004

-----------------------------------------------------------------------

Come ti avevo promesso ti invio la lista delle operazioni per la creazione del raid-software di livello 1 (mirroring) su una macchina gia' installata.

Liberatoria: non trovo piu' lista che mi ero preparato, e sto andando a memoria, spero di non saltare pezzi. Se hai dati nel disco backuppali, non dovrebbero esserci casini, ma non voglio sentirmi in nessun modo responsabile di danni ai dati, persone, animali, cose, case, cervelli, automobili, ecosistema...

Prima di cominciare leggiti almeno al capitolo 4 del software raid howto (il link e' in fondo alla mail), e leggiti tutta questa mail, cosi ti accorgi se ho saltato qualcosa.

Introduzione:
Non e' necessario che le partizioni siano uguali, basta che siano circa le stesse dimensioni. Pero' ti consiglio vivamente di usare partizioni uguali uguali.
Linux non tiene conto della geometria dei dischi, pero' ti consiglio di impostare gli stessi valori di C,H,S, in entrambi in tutti i dispositivi che andranno in raid.
Altrimenti potresti arrivare alla fine, quando dai l'ultimo comando ed aggiungi le partizioni all'array e ti trovi con un messaggio di errore, che ora non ricordo. Pero' ricordo il nervoso che mi e' venuto quando mi e' capitato :-(
Preparati due floppy di boot con installato un bootloader in modo da ripartire senza casini in caso di errore, il bootloader e' indispensabile per passare i parametri al kernel.

Procedimento:

Supponiamo che sda sia il disco dove e' installato i sistema operativo e che sdb sia il disco da usare come mirror.

- Crea la tabella delle partizioni in sdb uguale a sda
Se sdb e' piu' grande di sda puoi creare una partizione in piu'
facciamo un esempio:

Supponiamo che i due dischi abbiano un valore uguale di Head e Sector, ma un numero di cilindri diverso, perche` sono dischi di dimensione diversa.

sda 700 Cyl
sdb 950 Cyl

e che tu voglia fare un mirroring delle 3 partizioni sda1, sda2 ed sda3

Tabella delle partizioni di sda:
Da Cyl A Cyl
sda1 1 100
sda sda2 101 550
sda3 551 700

in sdb puoi crearti una tabella delle partizioni fatta cosi:

Da Cyl A Cyl
sdb1 1 100
sdb sdb2 101 550
sdb3 551 700
sdb4 701 950

poi fare il raid tra sda1 e sdb1; sda2 e sdb2; sda3 e sdb3. E scegliere se utilizzare sdb4 da sola o se lasciare lo spazio inutilizzato.
Se usi sdb4 da solo perdi un po' in prestazioni, ma non butti via spazio.
Sempre tramite fdisk marca le partizioni di sdb come fd (raid autodetect).

- Per prima cosa assicurati che il tuo kernel sia compilato con il supporto raid built-in (basta solo il raid1) e *NON* come modulo, ti semplifica molto la vita.

- installati i raidtools2 (solita solfa apt-get install raidtools2)

- crei il raidtab, ovvero il file di configurazione del raid ti quoto un esempio

raiddev /dev/md0
raid-level 1
nr-raid-disks 2
nr-spare-disks 0
chunk-size 64
persistent-superblock 1
device /dev/sdb1
raid-disk 0
device /dev/sda1
failed-disk 1

Per approfondire il significato di queste voci ti invito a consultare il software raid howto, io ti dico solo il minimo che c'e' da sapere.

raiddev = partizione in raid

il chunk_size e' una cosa molto importante per le prestazioni, tuttavia non esiste un metodo matematico per ricavare il valore ottimale, dalle mie prove sperimentali 64 e' risultato un buon valore, ma dipende da troppe variabili e quindi e' piu' facile fare qualche esperimento.

persistent-superblock deve essere attivato se hai intenzione di fare il boot dall'array, non e' sbagliato attivarlo sempre.

Le voci device raid-disk e failed-disk sono molto importanti, devi specificarle nel giusto ordine.

Dobbiamo fare un passo indietro e fare alcune considerazioni. Hai gia' un sistema operativo installato in sda, quindi non puoi creare il raid con sda, devi usare un trucco.
Durante la creazione del raid devi indicare sda come failed-disk, in modo da creare l'array senza sda che e' gia' occupato.
Il disco sda non puo' essere il primo della lista (infatti se guardi come raid-disk 0 c'e' sdb).

- Quando hai il tuo raidtab (che si trova in /etc) completo delle indicazioni di tutte le partizioni, allora puoi creare il raid, usando il comando mkraid. In questo caso mkraid /dev/md0, mkraid /dev/md1 ecc.

Per vedere se ha creato l'array ti bastera' fare un cat /proc/mdstat (tientelo bene in mente questo file, e' il display dello stato di salute del raid).

- a questo punto mkfs.filesystemchevuoi /dev/md0, poi fai la stessa cosa per gli altri device raid. Poi mkswap /dev/md2 (se serve).

Tutto ok? Bene!

- Ora l'array e' creato e devi cominciare a "travasare" il contenuto di sda in md0 ecc.

Supponiamo di avere md0 come root, md1 come home, e md2 come swap, composte da md0 = sda1 + sdb1; md1 = sda2 + sdb2; md2 = sda3 + sdb3.

montiamo le partizioni raid e travasiamo il contenuto:

mount /dev/md0 /mnt
cd /mnt
mkdir bin boot etc home proc mnt ecc... ecc...
mount /dev/md1 /mnt/home

poi devi copiare i file da una partizione all'altra, per una sacco di motivi che non sto qui a spiegare e' meglio farlo tramite find + cpio:

ti sposti nella partizione che vuoi copiare e copi, ad esempio;

cd /
find . -xdev -print0 | xargs -0 cpio /mnt/

cd /home
find . -xdev -print0 | xargs -0 cpio /mnt/home

!!! PER LA SINTASSI ESATTA CONTROLLA IL SOFTWARE RAID HOWTO, NON HO CONTROLLATO CIO' CHE HO SCRITTO E SONO ANDATO A MEMORIA !!!

- Ora hai una copia speculare della tua installazione di sda in md, bastano solo un po' di modifiche ad un paio di file ed e' quasi finito.

Allora il tuo fstab punta su /dev/sdaX, devi modificare il futuro fstab per puntare ai dispositivi raid. Ma non devi modificare /etc/fstab ma /mnt/etc/fstab (ti ricordo che attualmente la tua root e' ancora sda1, ma quando sara' in in raid la tua root sara' /dev/md0).

E devi anche sistemare il tuo bootloader, (io conosco solo lilo, se vuoi grub arrangiati :-))
quindi si modifica /mnt/etc/lilo.conf (sempre per il discorso fatto prima) devi far puntare la root in md0 e il boot in md0, pero' md0 e l'insieme di sda1 e sdb1 e quindi il masterbootrecord che attualmente si trova in sda non verra sovrascritto, quindi devi usare l'opzione raid-extra-boot = /dev/sda,/dev/sdb (o passare l'opzione -x /dev/sda,/dev/sdb).
Cosi fai in modo che il settore di boot venga scritto in entrambi i dischi.
Pero' non e' ancora il momento di eseguire lilo.

Devi prima cambiare la tua root da sda1 a md0, hai due modi:

1) fare una modifica "intermedia" al lilo.conf e settare come root /dev/md0 e come boot lasciare /dev/sda, quindi se riavvi parti con il disco sda, come dispositivo di boot, ma la root sara' caricata in /dev/md0.
A quel punto puoi fare la modifica finale al file lilo.conf e segnare anche il boot in /dev/md0.
(nota: puoi anche non cambiare nulla al lilo.conf, ma passare il parametro root=/dev/md0 al kernel in fase di boot).
2) Fare semplicemente chroot /mnt/.

Qualsiasi delle due ( o tre) strade che hai scelto, se tutto e' andato bene adesso ti trovi con la root directory in una partizione raid.

Ora completi le modifiche al bootsector eseguendo lilo, dovrebbe dirti che ha scritto il settore di boot in tre posti md0, sda ed sdb.

- Ora per controllare che tutto sia ok, ti conviene provare a fare un reboot. se tutto e' ok, il tuo raid e' funzionante, anche se non c'e' ancora sda.

- PASSO MOLTO IMPORTANTE - devi marcare le partizioni di sda come fd, altrimenti non fa il boot (lo hai gia' fatto anche con quelle di sdb vero?, ancora all'inizio quando hai creato la partition table de sdb vero?).
Mi raccomando di rendere bootabili entrambe le partizioni sda1 e sdb1.
Una volta mi sono dimenticato di rendere bootabile la seconda partizione e ci ho perso un sacco di tempo.

- Adesso ti basta aggiungere sdaX all'array

raidhotadd /dev/md0 /dev/sda1
raidhotadd /dev/md1 /dev/sda2
raidhotadd /dev/md2 /dev/sda3

e controlli la sincronizzazione dell'array sempre con cat /proc/mdstat

- Ora per completare in bellezza, fai un po' di test

spegni la macchina, togli la spina di sda e provi a fare il boot.

se tutto funziona spegni riattacca sda.

ricostruisci l'array
raidhotadd /dev/md0 /dev/sda1
raidhotadd /dev/md1 /dev/sda2
raidhotadd /dev/md2 /dev/sda3

spegni la macchina, stacca sdb e ripeti la stessa cosa.


se sei arrivato fino a qui ed hai capito tutto quello che ho scritto nel mio strano italiano e se sei riuscito a sopportare tutti i miei errori ortografici e grammaticali COMPLIMENTI!!

- Errori frequenti:

Dimenticarsi il persistent-superblock.
Dimenticarsi di marcare come fd le partizioni.
Dimenticarsi il flag bootabile delle partizioni di boot.

Documentazione:

Il software raid howto:
http://www.pluto.linux.it/ildp/HOWTO/Software-RAID-HOWTO.html

Le mie slide del linuxcafe` (lo so che non ti servono, ma volevo fare lo sborone!):
http://www.vicenza.linux.it/linuxcafe/2003/materiale/7/index.html

man raidtab

Questo e' quanto e, dato che e' venerdi sera, me ne vado a fare un po' di festa!

Buon lavoro

Andrea Dinale

Torna su


·  dispositivi a nastro: dat scsi, a quale /dev/?? devo far puntare il programma di backup???

/dev/st0

prima, ovviamente, va un "modprobe st". (solo nel caso non sia giànel kernel

Torna su


·  per il dat posso usare sia /dev/st0 che /dev/nst0 ?

la differenza tra /dev/st0 e /dev/nst0 (più in generale /dev/st* e
/dev/nst*) sta nel rewind
i device che cominciano con "n" non fanno rewind in automatico dopo
l'uso, è il sw che si preoccupa
di posizionare il nastro, ad esempio se hai messo più blocchi e vuoi
recuperare il "N-esimo" ti posizioni
con mt sul blocco voluto e poi leggi/scrivi di dati, se usi st0 (senza
la n) ogni operazione che fai riporta
il nastro all`inizio ;) il device con rewind si usa di solito con tar
perchè è più semplice.. tar czf /dev/st0 *..
salva tutto e riavvolge il nastro, però poi per fare il restore devi
scorrere tutto il nastro fino al file che ti serve.
I programmi di backup invece scrivono i dati a blocchi e mettono dei
marcatori, così è più veloce recuperare
le informazioni, però per fare questo bisogna poter controllare il
posizionamento del nastro.

Se vuoi l'interfaccia grafica non so, io conosco solo kdat, altrimenti
esiste taper da console, oppure
amanda che è un sistema client/server per fare backup di rete.
Altrimenti sul commerciale esiste BRU oppure ARKEYA (www.arkeia.com),
io ho provato la seconda
è comodo, ha una console di amministrazione in java e quindi funziona
anche sotto windows e ti consente
di fare il backup di server linux e ws windows in rete e sullo stesso
nastro.

Torna su


·  Come installo java?

scarica un jdk o sdk da sito sun.com dato che
non e' contenuto nei source list ufficiale
della debian per ovvi problemi di licenza.

devi crearti il pacchetto in questione con java-package
1) ti scarichi dal sito della sun jdk_1_5_0_linux_i586.bin
2) apt-get install java-package
3) make-jpkg jdk_1_5_0_linux_i586.bin

dopo puoi installare sun-j2sdk1.5debian

per settare il path del java segui le istruzioni sulle FAQ debian
http://www.debian.org/doc/manuals/debian-java-faq/ch11.html#s11.2

Torna su

Segnalazione:
Segnala - Specifica il nome del programma, della pagina a cui ti riferisci o link non attivo, eventuali errori o abusi.